Informativa

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per effettuare statistiche di utilizzo. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Divieto di utilizzo dei CELLULARI a scuola!!

DIVIETO DI UTILIZZARE I CELLULARI A SCUOLA!!!

In considerazione del fatto che negli ultimo tempi, nel nostro Istituto, si stanno ripetendo infrazioni sull’uso dei cellulari, con una frequenza che denota come gli studenti non sembrino comprendere la gravità dei loro comportamenti e al fine di evitare ulteriori richiami, perdite di tempo per gli operatori scolastici e per i genitori e ulteriori provvedimenti disciplinari, ci preme ricordare che l’uso dei cellulari a scuola è vietato dalla Direttiva ministeriale nr. 30 del 15/3/2007, dall’ art. 39 del Regolamento d’Istituto e dal Patto educativo di corresponsabilità.

Si ricorda inoltre che l’uso del cellulare e di altri dispositivi elettronici rappresenta un elemento di distrazione sia per chi li usa che per i compagni, oltre che una grave mancanza di rispetto per il docente configurando, pertanto, un’infrazione disciplinare sanzionabile attraverso provvedimenti orientati a prevenire e scoraggiare tali comportamenti.

La violazione di tale divieto configura un’infrazione disciplinare rispetto alla quale la nostra scuola sinora è intervenuta con richiami verbali e con il ritiro temporaneo del telefono stesso e la riconsegna direttamente alla famiglia degli alunni, al fine di coinvolgere le famiglie in un’azione educativa che mira al rispetto delle regole, della cultura della legalità e della convivenza civile.

Tra i doveri dello studente vi è poi il divieto assoluto di “scattare foto o realizzare filmati all’interno dell’aula e della scuola” e di metterli poi in rete (facebook e altro): si precisa che tali comportamenti comporteranno da parte dei Consigli di Classe la sospensione delle lezioni degli alunni per un numero di giorni da definire oltre alla ovvia ed accertata rimozione dei filmati dai siti dove sono stati pubblicati.


Resta inoltre la possibilità che la scuola o la singola persona danneggiata con la pubblicazione della propria immagine sulla rete decida di sporgere denuncia nei confronti degli autori, con apertura di procedimenti giudiziari.

Inoltre pubblicare una foto o un video significa condividere informazioni personali; un’immagine condivisa con i Social network entra definitivamente nel web e non sarà possibile controllarne la diffusione, aumentando il rischio di esporsi a contatti con persone estranee e pericolose.

Vorremo fare riflettere sul fatto che nessuno di noi darebbe una foto di sé, il suo nome e cognome a uno sconosciuto che incontra per strada, ma quasi tutti espongono in bella vista, in un sito internet a cui qualsiasi persona può accedere, una serie di foto che li ritraggono in ogni situazione e in ogni momento. In questo modo ogni individuo può vedere che aspetto hanno, leggere il loro nome, sapere chi sono, dove abitano, che luoghi frequentano e facilmente ricondursi a loro.

Si richiama l’attenzione dei Docenti e del personale ATA sul dovere di vigilanza che sussiste in tutti gli spazi scolastici ed esige la tempestiva segnalazione al Dirigente scolastico o ai suoi Collaboratori di eventuali infrazioni o comportamenti degli alunni che turbano il regolare andamento della scuola, ed in particolare quando si tratta di episodi di illegalità.

Si richiama l’attenzione dei genitori perché collaborino con la scuola, in modo che si formi veramente una comunità educante, in cui ragazzi e adulti, docenti e genitori vengano coinvolti in un’alleanza educativa che contribuisce ad individuare non solo contenuti e competenze da acquisire, ma anche obiettivi e valori da trasmettere per costruire insieme identità, appartenenza e responsabilità.